Archivi tag: mou

31/12/2020:ACCORDO UE-CINA

Da molti anni il PIL italiano ha uno dei peggiori andamenti nel mondo

Il nuovo anno si apre in un clima d’ inedita cordialità fra Europa e Cina.Il  30 dicembre, ultimo giorno della presidenza tedesca, l’Unione Europea, rappresentata dal Presidente del Consiglio europeo Charles Michel, e dalla Presidentessa della Commissione, Ursula von der Leyen, e il Presidente della Repubblica Popolare Cinese, Xi Jinping, hanno concluso in via telematica il tanto atteso, e, al contempo, controverso, Accordo Comprensivo sugli Investimenti (CAI), destinato a proteggere e disciplinare gl’investimenti europei in Cina e quelli cinesi in Europa. Il testo redatto in tutte le lingue dell’Unione è in via di preparazione da parte dei servizi della Commissione, ma la firma definitiva è prevista appena nel 2022. Anche il Parlamento Europeo dovrà dire la sua parola, e non sono escluse sorprese.

Come ben noto, il tema è controverso, da un lato per le diverse valutazioni che ciascun attore dà della situazione attuale degl’investimenti esteri nelle due aree, e anche per il legame che gli Stati Uniti pretenderebbero  s’instaurasse fra i trattati commerciali e più generali questioni ideologiche e geopolitiche. Il segretario Sullivan, del “governo ombra” del neoeletto presidente Joe Biden, ha infatti criticato l’accordo, perché, a suo dire, si sarebbero dovute svolgere consultazioni con gli Stati Uniti. Con la sua decisione, l’Unione ha dato invece prova di autonomia, smentendo una politica americana volta, non da oggi, ad allontanare la Cina dall’ Europa, e, comunque, rifiutando ingerenze nella propria sovranità internazionale.

Più precisamente, si tratta di una conferma della tradizionale “politica dei due forni” degli Europei, inaugurata dal Generale de Gaulle con il suo viaggio a Mosca, e proseguita con l’incontro a tre fra Chirac, Schroeder e Putin a Danzica, per finire con le aperture verso la “Nuova Via della Seta”,  con cui gli Europei, pur riconoscendo come inevitabile la loro posizione di tipo neo-coloniale nei confronti degli Stati Uniti, si permettono di tanto in tanto d’intrattenere rapporti con avversari degli stessi USA, in genere per strappare qualche (spesso modesta), concessione.

Oggi, limitare la propria indipendenza a questi “giri di valzer” sarebbe gravemente sbagliato, visto che le poste in gioco sono molto più elevate che in passato: la presa del potere da parte delle macchine intelligenti, la IIIa Guerra Mondiale…, per le quali s’impone una presa di posizione molto energica dell’ Europa, distinta da quella, assolutamente connivente, dell’ America. Perfino la Cina si è dimostrata ben più energica dell’Occidente contro lo strapotere delle “proprie” piattaforme web,  mentre noi le tolleriamo tutte, pur essendo tutte straniere e sottraendo all’ Europa enormi risorse. Per questo, vogliamo sperare che questo accordo inauguri una fase di reale equidistanza dell’ Europa non solo fra gli USA e la Cina, ma anche nei rapporti con gli altri soggetti autonomi sulla scena mondiale, come la Russia, l’Iran e la Turchia, e che i governi di tutto il mondo si accordino per port fine allo strapotere delle multinazionali.

De Gaulle è un eroe per i Russi e i Cinesi

1.I principali contenuti dell’ accordo

Non essendo disponibile il testo del nuovo trattato, ne possiamo parlare solo in termini generali. Esso prescrive una maggiore apertura e trasparenza dei mercati delle parti contraenti, tutelando e  incrementando gl’investimenti  europei in Cina (come quello dell’ IVECO e della Volkswagen), e quelli  cinesi in Europa, come quelli in varie case automobilistiche, nei porti e nella Pirelli.

Con ciò, esso costituisce una sorta di continuazione della Belt and Road Initiative (la “Nuova Via della Seta”, a cui hanno aderito vari Paesi europei fra cui l’ Italia), nonché di altri paralleli accordi stipulati di recente dalla Cina, come il Regional Comprehensive Economic Partnership, or RCEP, il nuovo trattato fra tutti i Paesi dell’ Asia Orientale e dell’Oceania, fra cui anche il Giappone e l’ Australia.

Gl’investimenti cinesi in Europa ammontano a 113 miliardi circa, mentre quelli dell’Unione Europea in Cina hanno superato i 150 milioni di Euro, restando però modesti in confronto alle dimensioni e al potenziale enormi dell’ economia cinese, che si accrescono enormemente in seguito all’ enfasi posta, dal nuovo piano quinquennale, sul mercato interno e sulle province occidentali.

Il nuovo trattato sarà il più ambizioso, fra quelli sugl’investimenti, che la Cina abbia mai firmato con un altro paese. Vediamo rapidamente alcuni dei suoi aspetti più significativi:

-nel campo manifatturiero, la libertà d’ investimento che il trattato concede alle imprese straniere è massima. In particolare, la Cina ha accettato di rimuovere gradualmente l’obbligo di operare in joint venture con un partner locale. Si noti che il gruppo Volkswagen aveva già acquistato quest’anno dai propri partners la loro quota, e opera oramai direttamente sul mercato cinese.

-in  campo tecnologico, risulta vietata l’imposizione (che un tempo esisteva anche in Paesi europei, come la Spagna, e in parte esiste ancora nell’ antitrust europeo), del trasferimento del know-how licenziato  al licenziatario nazionale, e in generale di limiti alla libertà contrattuale delle parti;

-nel campo portuale, laChina permetterà gl’investimenti europei nelle attività ausiliarie a terra, sì che le imprese dell’Unione potranno investire senza restrizioni nello handling, nello stoccaggio dei containers, nelle agenzie marittime, facendo ciosì il paio con quanto stanno facendo le imprese cinesi al Pireo, a Trieste, a Vado, a Duisburg…;

-la Cina si è impegnata a non abbassare, per attrarre gl’investimenti, il livello delle garanzie lavoristiche ed ambientali, e a non utilizzare le norme lavoristiche e ambientali come forme di protezionismo (anche se i due principi sembrano a prima vista contraddittori);

-nel campo dell’ambiente e del clima, il trattato prevede l’impegno di dare effettiva attuazione all’ Accordi di Parigi;

-la  Cina si è impegnata a ratificare le convenzioni dell’ Organizzazione Mondiale del Lavoro, in particolare contro il lavoro forzato (anche se la Cina nega che vi sia nel Paese il lavoro forzato).

Si noti che le maggiori concessioni sono state fatte dalla Cina, anche se, in 7 anni, tanti quanti sono stati quelli delle trattative, la Cina (contrariamente all’ Europa) è cambiata radicalmente, sì che, mentre all’ inizio il rischio di “furti di tecnologia europea” da parte di imprese cinesi poteva essere motivato, oggi è l’Europa ad avere bisogno di iniezioni di tecnologia per poter superare la sua arretratezza (per esempio, nell’ informatica, nell’aerospaziale, nell’ ingegneria quantica e nelle criptovalute), mentre la Cina, lungi dall’ essere una “ladra di tecnologia” è oggi la titolare del maggio numero di nuovi brevetti. Quindi, più che concessioni, si tratta di prese d’atto di una situazione oramai rovesciata.

In ogni caso, buona parte di queste concessioni sono già contenute nell’accordo bilaterale della “Fase I”, firmato da Trump e sono quindi quasi un atto dovuto, sicché il significato dell’ acciordo è soprattutto politico, in quanto esclude un “asse” Europa-USA contro la Cina nelle future trattative multilaterali.

Dopo aver preso nota delle obiezioni che da molti sono state sollevate verso il trattato, vedo anch’io in quest’ultimo un limite culturale della parte europea: se il trattato è stato concepito come una spinta, nei confronti degli Stati Uniti, perché  ritornino anch’essi a negoziare con Europa e Cina su un piano di parità e in uno spirito di libero commercio mondiale, allora, l’impostazione eccessivamente liberistica del trattato potrebbe  ritorcersi contro l’Europa, la quale, con la sua arretratezza tecnologica, è la prima ad avere bisogno di una forte industria nazionale sostenuta dal settore pubblico, per rimediare ai “fallimenti del mercato” che ci hanno ridotto nello stato pietoso in cui oggi ci troviamo (vedi grafici).Mentre non ne hanno più bisogno, né gli USA, né la Cina, che hanno costruito nei decenni un potere economico indistruttibile, inestricabilmente connesso alla politica e al militare.

Più in generale, l’Europa dovrebbe rivisitare tutta la sua nozione di “mercato”, rimasta arretrata di almeno 100 anni, la quale non tiene conto , né dell’ informatica, né della “guerra senza limiti”, né nella globalizzazione…

L’incontro di Kaliningrad, il primo caso di vertice europeo anti-americano

2.Le funzioni concrete del trattato

Comunque sia, per i Paesi europei  che, dopo decenni di crescita lentissima, stanno ancora soffrendo di tutti gli effetti della pandemia, l’incremento dell’ interscambio con la Cina costituisce una indispensabile boccata d’aria, aprendo agli esportatori  l’ingente crescente e crescente mercato interno della Cina, fornendo occasioni di investimento comune e sviluppando le enormi potenzialità di collaborazione nella cultura, nella tecnologia e nel turismo. Infatti, la Cina, uscita molto presto dalla crisi, è l’unico Paese che termini il 2020 con una crescita del PIL, seppure modesta (si calcola del 3% circa), e che quindi possa alimentare oggi flussi massicci di import, così necessari per la nostra economia, che, di converso, è da decenni il fanalino di coda dell’Europa e del mondo intero (cfr. grafico).

Inoltre, la Cina, con le sue eccellenze nei settori tecnologici di punta (come supercomputer, aerospaziale, rivoluzione verde, digitalizzazione, valuta elettronica) può fornire agli Europei uno stimolo alla modernizzazione e un’alternativa ai GAFAM (Google, Apple, Facebook,Amazon e Microsoft), che proprio in questi giorni stanno rafforzando il loro dominio sull’ economia mondiale, a dispetto delle velleità regolatorie dei vari Governi, sempre frustrate nei tribunali e/o in sede politica. Ed è ben per questo che l’America vede ogni ravvicinamento fra l’Europa e la Cina come fumo negli occhi. Solo grazie ai commerci con la Cina l’Europa potrebbe recuperare la china che l’ha portata a una situazione di assoluta subordinazione verso l’America all’ interno di un Occidente che sarebbe naturalmente a guida europea.

Per le piccole e medie imprese, che lamentano le loro intrinseche difficoltà a confrontarsi  con un mercato enorme come quello cinese, l’accordo costituisce uno stimolo a consorziarsi, con imprese complementari italiane e europee, realizzando con ciò stesso un  comunque indispensabile salto di qualità. E tuttavia, anche questo è un ulteriore elemento che ci fa riflettere sull’assurdità dell’ accanimento della UE contro le imprese pubbliche, le quali non sono affatto vietate, ma, anzi, sono previste tanto dal diritto europeo, quanto dalla Costituzione italiana, con particolare riguardo alle funzioni d’interesse comune. Orbene, tutti i settori in cui si richiederebbero nuove imprese, e in cui i privati non vogliono investire, sono quelle in cui si gestiscono interessi pubblici, e dove pertanto, come ha spiegato brillantemente Marianna Mazzuccato, non può valere un’ottica di puro profitto. Si tratta in particolare della cultura, della ricerca, della difesa, dell’informatica, delle infrastrutture, dove la forza dei nostri concorrenti deriva proprio di avere alle spalle decenni, se non secoli, di supporto del settore pubblico e di commesse pubbliche (cfr. p.es. General Electric, Boeing, Lockhead, IBM, Google, Apple, Facebook, Amazon, Microsoft, ZTE, Huawei, Gazprom, Rosneft, Rostec). Dubito che semplici federazioni di piccole imprese, come GAIA-X, siano in grado di fare concorrenza a questi colossi sui mercati mondiali.

Perfino nel settore dell’agricoltura gli accordi internazionali con la Cina come quelli di cui stiamo parlando possono essere  sviluppati solo da imprese di dimensioni ciclopiche, come dimostrano gli enormi vantaggi conseguiti, grazie agli accordi di Trump con la Cina, dai grandi produttori americani sui piccoli coltivatori europei, o, ancor più esplicitamente, dalla riforestazione del Gansu, che ha costretto a rastrellare milioni di alberi in tutta Europa.

L’accordo pone fine alle immotivate polemiche di alcuni Europei, che accusavano l’Italia di unilateralismo per avere firmato, con il Ministro Di Maio,  il memorandum della Belt and Road Initiative (mentre altri Paesi avevano già aderito, senza polemiche,  a iniziative cinesi equivalenti). D’ora in avanti, almeno, non si potrà più affermare che intrattenere rapporti commerciali con la Cina significhi rompere l’unità dell’Unione, visto che è l’Unione stessa favorire gl’investimenti reciproci, che sono un interesse primario del nostro Continente. Tra l’altro, giacché il nuovo trattato non si occupa della disciplina del contenzioso, restano in vigore, su questo argomento, in attesa di un nuovo trattato, i preesistenti accordi con gli Stati membri.

Ma, soprattutto, è ora l’Italia a potersi, e doversi, lamentare per il comportamento unilaterale di alcuni Stati membri e Istituzioni, che si sono permessi di concludere un accordo così importante con una procedura atipica non solo per la forma (suggerita dalla pandemia) della teleconference, ma anche e soprattutto per la partecipazione alla riunione del Presidente francese Macron, che non ha alcun titolo giuridico a partecipare alla conclusione di una trattativa di questo tipo, a cui avrebbe dovuto essere associato semmai l’Alto Rappresentante Borrell.

Si noti poi che l’accordo serve anche come ratifica a posteriori dell’operato delle autorità cinesi che, in anticipo sul trattato, hanno permesso alla Volkswagen di portare al 100% la sua partecipazione nelle joint-ventures. Il che è un’ottima cosa anche per l’ Italia, ma non può essere fatto sempre e comunque a favore delle sole imprese dei Paesi più forti.

Mariana Mazzucato: lo Stato imprenditore non serve solo a distribuire mance,
ma soprattutto a rafforzare l’economia nazionale

3.L’Italia e l’interscambio UE-Cina

Certo, l’Italia non ha in Cina molti investimenti  importanti che valgano la pena di essere incrementati, e questo perché l’Italia non ha (più, e per sua colpa) grandi Konzerne come quelli cinesi e americani, ma anche solo come quelli tedeschi e francesi. Una ragion per cui, per difendere il nostro diritto di rafforzare le nostre eccellenze, per esempio nel settore cantieristico, anche mediante fusioni e investimenti pubblici, senza essere sempre ostacolati dall’ Antitrust europeo, lo stesso che permette praticamente tutto ai GAFAM, e che quindi andrebbe totalmente rinnovato.

Purtroppo, la nostra presenza sul mercato cinese è modesta (13 miliardi di Euro), infinitamente modesta rispetto alle dimensioni del mercato stesso, dei buoni rapporti politici e delle affinità culturali.

Intanto ,il nuovo trattato agevolerà  i subfornitori italiani dell’ industria automobilistica  tedesca, che è al centro del nuovo trattato.
Come osserva, su “il Sole 24 Ore”, Giuliano Noci, il nuovo trattato, che non è sull’import-export, bensì sulla protezione degl’investimenti, richiede al Governo e alle nostre aziende un cambio di visione della Cina, coerente con le trasformazioni subite da quel Paese: “capitalizzare su quel mercato un’eventuale presenza produttiva locale non tanto per un obiettivo di riduzione dei costi (ad oggi non più perseguibile)  quanto piuttosto in una logica di asservimento di un’area geopolitica di grande rilevanza per quanto riguarda la crescita della domanda: in questo senso, la recente stipula del Regional Economic Comprehensive Partnership – che ha creato un’area di quasi libero scambio comparabile con quella europea – è un’opportunità che le nostre imprese non possono lasciarsi sfuggire. Sul piano politico, è invece richiesto al Governo una visione: infrastrutturale per quanto sopra evidenziato e industriale: non possiamo infatti dimenticare che il mercato cinese (e non solo) sono sempre più sofisticati sul fronte digitale e noi siamo purtroppo ultimi in Europa per competenze digitali.”

Ora, visto che gli ostacoli politici sembrano caduti, sarebbe il caso che l’Italia rivitalizzasse il MOU del 2019, portando avanti tutte le cooperazioni previste, per esempio nei campi culturale e delle infrastrutture, e riprendesse anche quei settori ch’erano stati originariamente indicati, come le telecomunicazioni, poi abbandonati per tenere conto delle critiche più o meno genuine, alle quali potremo ora rispondere con il supporto dell’Europa.

Soprattutto, s’impone un’intensissima azione d’informazione e di promozione nei due sensi, in campo culturale, tecnologico, turistico, delle infrastrutture, ma anche sui meccanismi stessi dei trattati, sulle loro implicazioni manageriali e giuridiche, comprensive dei meccanismi specifici degl’investimenti, nelle loro implicazioni societarie, fiscali, lavoristiche e processuali.

Infine, all’ interno del Recovery Plan oggi in discussione, una parte importante dovrebbe essere dedicata ad attività volte a implementare il CAI, con azioni culturali e investimenti comuni con la Cina, come per esempio azioni comuni sui mercati terzi, quali previsti dal vecchio MOU, e, soprattutto, la nascita di nuove imprese tecnologiche utilizzando know-how cinese.

FIRMATO IL MEMORANDUM OF UNDERSTANDING ITALIA-CINA: Strategia europea per la Via della Seta cercasi disperatamente.

Per fortuna, in occasione della visita del Presidente Xi Jinping in Italia, ha prevalso, alla fine, il buon senso, e il Governo italiano ha firmato senza indugio l’MOU predisposto in esito al lavoro della Task Force Cina del Ministero dello Sviluppo Economico (cfr .ALLEGATI).

Sono state tacitate così le voci trasversali secondo cui l’MOU non risponderebbe agl’interessi nazionali, italiani o europei, e addirittura comporterebbe rischi per la sicurezza nazionale.

Premesso che:

1)sta diventando sempre più difficile distinguere fra interessi individuali, di classe, regionali, nazionali, europei e dell’Umanità, quel che bisogna ricercare è un giusto ed efficace equilibrio fra i vari livelli;

2)che, dal punto di vista della sicurezza, l’Italia si trova già ora nella situazione peggiore possibile, essendo essa eterodiretta da una potenza che, come gli USA, ha non soltanto interessi, ma addirittura percezioni del mondo, radicalmente diverse da quelle dell’Italia stessa,

a me sembra che, non solamente l’MOU, bensì la pretesa e criticata adesione occulta al “Beijing Consensus” (abbandonando il “Washington Consensus”), non potrebbero fare altro che migliorare l’attuale, disperata, situazione del nostro Paese.

Vediamo intanto i diversi vantaggi dell’ MOU firmato a Roma il 22 u.s.:

1)Vantaggi culturali

L’avanzare delle macchine intelligenti sta svuotando completamente la sostanza stessa dell’umano, situazione grave soprattutto per un Paese, come l’Italia, che è stato deliberatamente tenuto fuori da qualunque aspetto determinante nello sviluppo dell’informatica. L’intervista di Edward Snowden del 19 marzo a “La Repubblica” è eloquente a questo riguardo: gl’Italiani verrebbero trattati, dalla comunità americana dell’intelligence, “come bambini”. Inoltre, quando si pensa alle eccellenze dell’ Italia nella storia, nella cultura, nel modo di vivere, nella religione, si pensa sempre ad aspetti radicalmente contrapposti all’ attuale Società delle Macchine Intelligenti.

Solo la Cina non ha mai cessato di attribuire ufficialmente all’Italia questo suo valore storico, accomunandola per 1500 anni, sotto il nome di Da Qin, ”la Grande Cina”, all’ Impero Romano e al Cristianesimo, come ha fatto ancora a Roma il Presidente Xi Jinping. Ancor oggi la Cina ha fatto ricorso all’ Italia per redigere il suo Codice Civile. D’altra parte, la Cina è anche  l’unico Paese che tributi quotidianamente un ossequio formale ai propri “classici”, citati incessantemente (con tanto di note filologiche), dal Presidente Xi Jinping nei suoi discorsi, e spiegati alla televisione con apposite trasmissioni. Sarebbe come se i discorsi dei nostri uomini politici fossero un incastro di citazioni di Bibbia, Omero, tragedie e filosofi greci, De Bello Gallico, Divina Commedia, ecc…

Anche sulla base di questo culto condiviso per la “classicità” intesa nel senso più ampio, con 300 milioni di turisti cinesi che si muovono ogni anno attraverso il mondo, esiste un enorme margine per creare una potentissima industria turistica e culturale congiunta italo-cinese, cosa a cui i nuovi accordi fanno per altro più di un accenno. Basti pensare che l’MOU prevede addirittura di creare in Cina una piattaforma italo-cinese dedicata alla promozione del modo di vita italiano. D’altronde, queste cose in Cina non sono nuove. Basti pensare alla ex concessione italiana di Tianjing, che è stata trasformata in una “Italian Style City”.

2.I vantaggi economici

L’ attuale recessione, innescata dai dazi di Trump, che attanaglia ogni giorno di più, non solo l’Italia, ma tutta l’Europa, a cominciare dalla Germania, non riguarda solo gl’indicatori attuali, bensì si estende alla mancanza di progetti e al pessimismo generalizzato, ma soprattutto, come ha messo a nudo la vicenda del viaggio di Xi Jinping, all’assenza di un’ ”advocacy” europea  unica, che negozi   gli accordi economici a vantaggio dell’ intera Unione, e, infine, alla dichiarata volontà di Trump di contingentare la produzione e l’export europei per ripristinare la primazia americana (“America first”).

Si noti che il documento sfornato dalla Commissione un paio di giorni prima del viaggio di Xi non risolve il problema, perché, se tenta di rendere la vita più difficile ai negoziatori extraeuropei, non risolve il problema di fondo, vale a dire che i  negoziatori europei che dovrebbero fronteggiarli semplicemente non esistono. Infatti, chi potrebbe discutere con Xi di tutte le materie di cui egli è competente: cultura, difesa, diritto, economia, ecc..? Non certo il Presidente del Consiglio Europeo, né quello della Commissione, né l’ Alto Rappresentante per la PESC…

In questa situazione, l’Italia e l’Europa si trovano in un vicolo cieco, in cui sono costrette a trovare qualche elemento nuovo, per rovesciare un trend che inevitabilmente li sta  condannando. In questa situazione, coltivare rapporti privilegiati con la maggior potenza economica del mondo può fornire vantaggi fondamentali, quali la possibilità di reperire finanziamenti internazionali, nazionali e internazionali(AIIB), pubblici e privati, che negli ultimi anni sono divenuti difficilissimi in un contesto occidentale, dati i vincoli UE e l’atteggiamento ostile delle agenzie di rating; un accesso agevolato al mercato e alle tecnologie cinesi, oggi spesso più avanzate di quelle americane, per non dire quelle europee (5G, web, computer quantici, aerospazio).

Nel caso dell’Europa, il vantaggio è stato dimostrato plasticamente dall’acquisto, in un solo blocco, da parte della Cina, di 290 aerei dall’ Airbus, l’unico “campione europeo” realmente esistente, proprio durante quel viaggio a Parigi che avrebbe dovuto vedere la sconfessione della Via della Seta da parte del tandem franco-tedesco. Tra l’altro, anche il gran daffare intorno alla reciprocità e al “golden power” è merito della Via della Seta. Prima, quando i possibili investitori erano solo gli Americani, non c’era alcuno zelo nel difendere l’economia nazionale.

Nel caso dell’ Italia,i  vantaggi legati  all’ MOU sono altrettanto evidenti.

Come non si stancano di lamentare gli esperti di trasporti, il principale problema dei porti italiani è che la maggior parte delle merci, anche per il Norditalia, transitano da Rotterdam e Amburgo perché i nostri porti sono insufficienti. Tuttavia, l’Italia è più vicina alla Cina di quanto non lo sia il Mare del Nord. Ora che i Cinesi sembrano intenzionati a portare traffico e soldi a Genova e a Trieste, il problema non si dovrebbe più porre, e tutto il sistema logistico italiano, dai TAV del Norditalia, agl’interporti, ne saranno agevolati. In questo, come in molti altri casi, ci volevano i Cinesi poer fare prevalere il buon senso contro le opposte illogicità degli Europei: il furbesco privilegio degli uni e la beota faziosità degli altri. Sarà vero che l’ Imperatore della Cina ha un Mandato del Cielo?

 

  1. I vantaggi politici

A maggior ragione, se e nella misura in cui l’influenza dell’America, attraverso l’ideologia, la diplomazia, i dazi,  ha come suo obiettivo quello di neutralizzare la forza dell’Europa, tutte le energie che controbilancino, nella cultura, nelle relazioni internazionali, nel commercio, quell’influenza, non possono che essere salutari per la forza dell’ Europa. Non è vero quindi che l’influenza cinese comprometta la nostra identità e sovranità: al contrario, le grandi comunalità che uniscono la nostra cultura con le altre dell’ Eurasia (fedeltà ai valori dell’“Epoca Assiale”, culturalismo, meritocrazia, comunitarismo) costituiscono una leva per  contrastare l’omologazione anti-cultuale della “cultura mainstream” e per rialzare il nostro “standing” in Italia e in Europa, con un richiamo costante al nostro passato, non certo inferiore, anche se non superiore, a quello degli altri grandi imperi millenari (cinese, indiano, persiano…).

Quello che vale per l’Europa vale a maggior ragione per l’Italia: trascinata lontano dalle sue radici classiche e cattoliche per immergerla nella più sguaiata modernità (diseducazione generalizzata, mercificazione, cementificazione); privata con stratagemmi o con la violenza dei suoi migliori capitani d’industria (Olivetti e Mattei); spogliata delle sue migliori imprese, ridotte a “spezzatino” per la gioia dei concorrenti.

3.I pericoli  della Via della Seta

Le due aree su cui si sta tentando di raggiungere un accordo fra Europa e Cina sono, da un lato, un trattato generale sugli investimenti (che dovrebbe sostituire gli esistenti trattati commerciali di tutti gli Stati membri), e, dall’ altra, la “piattaforma di connettività”, dedicata in particolare alla Via della Seta.Tutti argomenti non trattati dall’ MOU italiano (né dal previsto MOU francese), in quanto di competenza della Commissione.

Nei confronti dell’Italia, si ripetono gli ammonimenti che sono già stati agitati nei confronti dei Paesi afroasiatici che già sono impegnati nella Via della Seta:

a)la “trappola del debito”: i partner della Cina, realizzando le infrastrutture a credito, finirebbero  per addossarsi un onere finanziario inaccettabile. L’MOU non parla affatto di finanziamenti, bensì di collaborazioni, di forniture, di servizi. Si tratta infatti dei business più svariati: forniture chiavi in mano dall’ Italia alla Cina; collaborazioni culturali, commerciali e tecnologiche, dove semmai l’Italia incassa e la Cina paga;

b)la “svendita degli assets strategici”. Ma qui non si sta, non dico svendendo, ma neppure vendendo, niente. Semmai, si è già venduta, qualche anno fa, la Pirelli. I porti di Genova e di Trieste non sono in vendita. Semmai, si tratta di potenziarli per ospitare il traffico con la Cina .Invece, mi risulta che siano controllati dall’ America e da molto tempo alcune industrie veramente strategiche, come certe aziende aerospaziali, le reti informatiche, l’industria automobilistica…Quanto alle acciaierie, le abbiamo vendute ai Russi e agli Indiani, e un provider telefonico, addirittura a un Egiziano..

c)lo spionaggio elettronico: lo spionaggio elettronico ai danni degli Europei è condotto, alla luce del sole, in base ad accordi semisegreti, dai 16 servizi segreti americani fin da quando esiste l’ elettronica. Quando era scoppiato lo scandalo Prism, Obama l’aveva riconosciuto apertamente, sostenendo che gli Stati Uniti non avevano alcuna intenzione di smettere. Inoltre, i servizi segreti cinesi spiano da tempo con molto successo gli Stati Uniti, provocando tra l’altro la rottamazione di tutti i più recenti progetti dell’industria americana in quanto copiati dai Cinesi prima ancora della loro realizzazione. Ne consegue che i Cinesi, attraverso gli Stati Uniti, hanno già accesso a tutti i segreti tecnologici e militari dell’Italia. La supremazia tecnologica Huawei e la fornitura del materiale da parte di quest’ultima potrebbe avere, semmai, il vantaggio d’ interrompere lo spionaggio americano.

d)la sicurezza: Oggi, l’Italia e l’Europa sono tutt’altro che sicure. Fare affidamento sull’armamento atomico dell’America, che, come ripete Trump, non vede l’ora di disimpegnarsi, è una pura finzione. In realtà, sono gli Europei ad essere costretti a spendere somme ingentissime per supportare un sistema di difesa che serve esclusivamente gli interessi americani, e che in caso di guerra lascerebbe l’Europa automaticamente in balia delle rappresaglie nemiche (per esempio contro le nostre basi dove sono stazionate le testate nucleari americane). L’America ci minaccia di cambiare il nostro ruolo nella NATO? Ma noi nella NATO ci siamo solo per fornire gratis più di 100 basi, accollandoci, così, un rischio nucleare che non ci spetterebbe. Un ruolo meno importante di così non riesco a immaginarlo.

e)La tutela dell’ economia nazionale:La legislazione di protezione nel campo degli appalti e degl’investimenti esteri avrebbe dovuto essere adottata da settant’anni. Tuttavia, non è questa che può proteggere l’Europa dalla presenza di concorrenti o partners più forti. L’Europa si protegge solo divenendo essa stessa più forte al suo interno, con una cultura civica autentica, con una leadership forte almeno quanto quella dei concorrenti, con il coordinamento di tutte le energie del Paese, come previsto dalla nuova dottrina americana di difesa, con un “deep State” sostanzioso, coeso, tonico e motivato culturalmente.

Lo stesso dovrebbe valere anche per l’Italia, solo che, quando gli Stati di medie dimensioni, come quelli europei, pretendono di essere “sovrani” nello stesso senso in cui lo sono degl’imperi di  un miliardo e mezzo di abitanti, fanno la fine del re delle rane, che si gonfiò fino a scoppiare (come abbiamo dovuto toccare con mano nella 2° guerra mondiale).

e)La mancanza di reciprocità: Come i giornali tedeschi hanno fatto rilevare, l’incapacità di Merkel ad esprimere a Xi Jinping le attese obiezioni è derivata dalla mancanza di alternative Non è, infatti,  che i Cinesi oppongano alle importazioni degli Europei ostacoli burocratici maggiori della media. E’ che gli Europei hanno poco da offrire ai Cinesi, oggi come ai tempi di Lord McCartney. E hanno poco da offrire perché non hanno le dimensioni richieste per un mercato grande come quello cinese. Inoltre, non hanno neppure quell’ ambizione di esportare che anima invece i Cinesi, forse per reazione all’espansionismo europeo del passato. Nel ‘500, erano infatti gli Europei a costruire basi navali all’ estero, come per esempio nello Stato delle Indie Orientali, portoghese, e presso la Compagnia delle Indie Orientali (inglese), lungo tutta  la Via Marittima della Seta. Ora, i Cinesi vogliono fare lo stesso cammino, ma all’inverso.

Per questi motivi, Angela Merkel, accorsa a Parigi, non ha saputo fornire esempi di richieste di  reciprocità non andate a buon fine. Forse a i Tedeschi è stato vietato di fabbricare le Volkswagen e le Mercedes in Cina? Anzi, le auto tedesche sono le più vendute. Hanno mai chiesto di finanziare porti in Oriente? Secondo lo Spiegel, i Tedeschi non vorrebbero neppure finanziare i porti italiani, ma non possono opporsi a che lo facciano  i Cinesi di loro spontanea iniziativa.

Allegato n. 1

MEMORANDUM D’INTESA TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE SULLA COLLABORAZIONE NELL’AMBITO DELLA“VIA DELLA SETA ECONOMICA” E DELL’ “INIZIATIVA PER UNA VIA DELLA SETA MARITTIMA DEL 21° SECOLO”

Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo della Repubblica Popolare cinese (di seguito definite “le Parti”) mossi dall’intento di approfondire la cooperazione bilaterale concreta;

Accogliendo con favore l’organizzazione del “Belt and Road Forum for International Cooperation”, tenutosi a Pechino nel maggio 2017;

Riconoscendo l’importanza ed i benefici derivanti da un miglioramento della connettività tra Asia ed Europa ed il ruolo che l’iniziativa “Belt and Road” può svolgere a tale riguardo;

Richiamando il Comunicato congiunto della Tavola Rotonda dei Leader al “Belt and Road Forum for International Cooperation”;

Richiamando il Piano d’Azione per il rafforzamento della cooperazione economica, commerciale, culturale e scientifico-tecnologica tra Italia e Cina 2017-2020,adottato a Pechino nel maggio 2017;

Richiamando il Comunicato congiunto della Nona sessione del Comitato intergovernativo Italia-Cina, tenutasi a Roma il 25 gennaio 2019 e l’impegno ivi espresso per promuovere il partenariato bilaterale in uno spirito di mutuo rispetto, uguaglianza e giustizia, con modalità reciprocamente vantaggiose, nell’ottica di una rafforzata solidarietà globale;

Consapevoli del comune patrimonio storico sviluppato lungo le vie di comunicazione terrestri e marittime tra l’Europa e l’Asia, nonché del tradizionale ruolo dell’Italia quale terminale della Via della Seta marittima;

Rinnovando il comune impegno all’osservanza degli scopi e dei principi espressi nella Carta delle Nazioni Unite ed alla promozione di una crescita inclusiva e di uno sviluppo sostenibile, in linea con l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e l’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici;

2Richiamandoaltresì gli obiettivi stabiliti dall’Agenda Strategica di Cooperazione UE-Cina 2020 e i principi che guidano la Strategia UE per la Connettività tra Europa ed Asia adottata nell’ottobre 2018;

hanno raggiunto i seguenti intendimenti:

 

ParagrafoI:Obiettivi e Principi guida della Collaborazione

  1. Le Parti si adopereranno insieme nell’ambito dell’Iniziativa “Belt and Road” al fine di tradurre i rispettivi complementari punti di forza in reciproci vantaggi per una collaborazione concreta ed una crescita sostenibile, sostenendo le sinergie tra l’iniziativa “Belt and Road” e le priorità identificate nel Piano d’Investimenti per l’Europa e le Reti di Trasporto Trans-Europee, tenuto conto delle discussioni in corso in seno alla “Piattaforma di connettività UE-Cina”. In tal modo, le Parti intendono anche rafforzare i rapporti politici, i legami economici e gli scambi diretti tra i due popoli. Le Parti rafforzeranno la collaborazione e promuoveranno la connettività regionale in un contesto aperto, inclusivo e bilanciato, vantaggioso per tutti, così da promuovere la pace, la sicurezza, la stabilità e lo sviluppo sostenibile nella regione.
  2. Le Parti promuoveranno la collaborazione bilaterale sulla base dei seguenti principi:

(i)Guidate dagli obiettivi e dai principi della Carta delle Nazioni Unite, le Parti lavoreranno per lo sviluppo e la prosperità comuni, per una più profonda fiducia reciproca e una collaborazione di mutuo vantaggio;

(ii)Nel rispetto delle rispettive leggi e regolamenti nazionali ed in conformità con i rispettivi obblighi internazionali, le Parti si sforzeranno di promuovere il regolare sviluppo dei loro progetti di collaborazione;

(iii)Le Parti esploreranno possibili sinergie e assicureranno coerenza e complementarietà con i meccanismi di collaborazione bilaterali e multilaterali e con le piattaforme regionali di cooperazione già esistenti.

 

 

ParagrafoII:Ambiti di Collaborazione.

3Le Parti collaborerannonei seguenti settori:1.Dialogo sulle politiche.Le Parti incoraggeranno sinergiee consolideranno la comunicazione e il coordinamento. Promuoveranno inoltre il dialogo sulle politiche relative alle iniziative di connettività e sugli standard tecnici e regolamentari. Le Parti si adopereranno congiuntamente nell’ambito della Banca Asiatica d’Investimento per le Infrastrutture (AIIB), al fine di promuovere la connettività, in conformità con gli scopi e le funzioni dellaBanca.

2.Trasporti, logistica e infrastrutture. Entrambe le Parti condividono una visione comune circa la necessità di migliorare il sistema dei trasporti in un’ottica di accessibilità, sicurezza, inclusione e sostenibilità. Le Parti collaboreranno nello sviluppo della connettività infrastrutturale, compresi aspetti quali le modalità di finanziamento, l’interoperabilità e la logistica, in settori di reciproco interesse (quali strade, ferrovie, ponti, aviazione civile, porti, energia–incluse le energie rinnovabili e il gas naturale -e telecomunicazioni). Le Parti esprimono il loro interesse a sviluppare sinergie tra l’iniziativa “Belt and Road”, il sistema italiano di trasporti ed infrastrutture-quali, ad esempio, strade, ferrovie, ponti, aviazione civile e porti-e le Reti di Trasporto Trans-europee(TEN-T).Le Parti accolgono con favore le discussioni in seno alla “Piattaforma di connettività UE-Cina” tese a migliorare l’efficienza della connettività tra Europa e Cina. Le Parti collaboreranno al fine di facilitare lo sdoganamento delle merci, rafforzandola cooperazione per trovare soluzioni di trasporto sostenibile, sicuro e digitale, nonché nei relativi piani di investimento e finanziamento. Le Parti sottolineano l’importanza di procedure di appalto aperte, trasparenti e non discriminatorie.

3.Commercio ed investimenti senza ostacoli. Le Parti si adopereranno al fine di accrescere investimenti e flussi di commercio in entrambe le direzioni, così come la collaborazione industriale bilaterale, nonché la collaborazione nei mercati di Paesi terzi, attraverso l’individuazione di modalità utili a favorire una reale ed efficace collaborazione reciproca. Le Parti ribadiscono la comune volontà di favorire un sistema commerciale e di investimenti libero ed aperto, contrastare squilibri macroeconomici eccessivi e opporsi all’unilateralismo e al protezionismo. Nel quadro dell’Iniziativa “Belt and Road”, le Parti incoraggeranno una collaborazione commerciale ed industriale trasparente, non discriminatoria, aperta e libera; procedure di appalto aperte;la messa in opera di un level playing field ed il rispetto per i diritti di proprietà intellettuale. Le Parti esploreranno modalità di collaborazione e di partenariato più strette che siano reciprocamente vantaggiose e che comportino anche il miglioramento della cooperazione Nord-Sud, Sud-Sud e triangolare.

4.Collaborazionefinanziaria.Le Parti rafforzeranno la comunicazione ed il coordinamento bilaterali in tema di politiche fiscali, finanziarie e di riforme strutturali, al fine di creare un ambiente favorevole alla cooperazione economica e finanziaria, anche attraverso l’istituzione del Dialogo Italia-Cina a livello finanziario tra il Ministero dell’Economia e delle Finanze della Repubblica Italiana ed il Ministero delle Finanze della Repubblica Popolare Cinese. Le Parti favoriranno partenariati tra le rispettive istituzioni finanziarie per sostenere congiuntamente la collaborazione in materia di investimenti e finanziamenti, a livello bilaterale e multilaterale enei confronti di Paesi terzi, nel quadro dell’iniziativa “Belt and Road”.

5.Connettività people-to-people. Le Parti cercheranno di ampliare gli scambi interpersonali, sviluppare la rete di città gemellate, valorizzare il Forum Culturale Italia-Cina per la realizzazione dei progetti di gemellaggio tra siti italiani e cinesi registrati dall’UNESCO quali patrimoni dell’umanità. Esse promuoveranno forme di collaborazione, tra le rispettive Amministrazioni, sui temi dell’istruzione, dellacultura, della scienza, dell’innovazione, della salute, del turismo e della previdenza pubblica. Le Parti promuoveranno scambi e collaborazioni tra le rispettive Autorità locali, i mezzi di comunicazione, think-tank, le università e tra i giovani.

  1. Cooperazione per lo Sviluppo verde. Le Parti sostengono pienamente l’obiettivo di sviluppare la connettività seguendo un approccio sostenibile e rispettoso dell’ambiente, promuovendo attivamente il processo di transizione globale verso lo sviluppo verde, a bassa emissione di carbonio e l’economia circolare. In questo spirito, le Parti collaboreranno nel campo della protezione ecologica ed ambientale, dei cambiamenti climatici ed in altri settori di reciproco interesse. Le Parti scambieranno opinioni sullo sviluppo verde e promuoveranno attivamente la realizzazione dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile e l’Accordo di Parigi sui Cambiamenti climatici. Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare della Repubblica Italiana parteciperà attivamente alla Coalizione Internazionale per lo Sviluppo Verde nell’ambito dell’iniziativa “Belt and Road”, avviata dal Ministero dell’Ecologia e dell’Ambiente della Repubblica Popolare Cinese e dal Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (UNEP).

 

ParagrafoIII:Modalità di Collaborazione1.Le modalità di collaborazione possono includere–ma non saranno limitate a:(i)Scambi di visite ad alto livello e discussioni nel quadro dei meccanismi di scambio governativi e non governativi già esistenti. Le Parti amplieranno lo scambio di informazioni in vari settori e tramite molteplici canali, allo scopo di aumentare la trasparenza ed incoraggiare la partecipazione da ogni settore della società.(ii)Esplorare la possibilità di avviare programmi-pilota in settori chiave, scambi e cooperazione economica, ricerca congiunta, capacity building, scambi di risorse umane eformazione.2.Le Parti individueranno modelli di collaborazione reciprocamente vantaggiosi al fine di promuovere l’attuazione dei principali progetti previsti nell’ambito dell’iniziativa “Belt and Road”. Le Parti seguiranno principi di mercato, promuoveranno la collaborazione tra capitale pubblico e privato, incoraggeranno gli investimenti e il sostegno finanziario attraverso modelli diversificati. Entrambe le Parti rinnovano il proprio impegno verso investimenti sostenibili da un punto di vista ambientale e sociale ed economicamente fattibili.

3.Le Parti esploreranno congiuntamente opportunità di collaborazione in Italia ed in Cina e discuteranno della collaborazione nei Paesi terzi. Le Parti si impegnano in favore di modalità di collaborazione vantaggiose per tutti i partecipanti e di progetti che apportino benefici a Paesi terzi, sostenendone le priorità in termini di sviluppo e di bisogni delle popolazioni locali, in maniera sostenibile ed efficace dal punto di vista fiscale, sociale, economico ed ambientale.4.Le competenti Autorità delle Parti possonofinalizzare inteseper la collaborazione in settori specifici e per la creazione di appositi meccanismi di collaborazione.

 

ParagrafoIV:Meccanismi di collaborazione Le Parti utilizzeranno a pieno i meccanismi bilaterali già esistenti al fine di sviluppare la collaborazione nell’ambito dell’iniziativa “Belt and Road”.Il Comitato Governativo Italia-Cinasarà utilizzato per monitorare progressi e seguiti

 

ParagrafoV:Divergenze Interpretative Le Parti risolveranno amichevolmente eventuali divergenze interpretative del presente Memorandum d’Intesa mediante consultazioni dirette.

 

ParagrafoVI:Leggeapplicabile Il presente Memorandum d’Intesa non costituisce un accordo internazionale da cui possano derivare diritti ed obblighi di diritto internazionale. Nessuna delle disposizioni del presente Memorandum deve essere interpretata ed applicata come un obbligo giuridico o finanziario o impegno per le Parti. L’interpretazione del presente Memorandum d’Intesa deve essere in conformità con le legislazioni nazionali delle Parti nonché con il diritto internazionale applicabile e, per quanto riguarda la Parte italiana, con gli obblighi derivanti dalla appartenenza dell’Italia all’Unione Europea.***Il presente Memorandum acquista efficacia alla data della firma. Il presente Memorandum rimarrà valido per un periodo di cinque anni e sarà automaticamente prorogato di cinque anni in cinque anni, salvo che una Parte vi ponga termine dandone un preavviso scritto di almeno tre mesi all’altra Parte.

Fatto a Roma il 22 marzo 2019, in due originali, ciascuno in lingua italiana, cinese e inglese, tutti i testi facenti ugualmente fede. In caso di divergenze interpretative, prevarrà il testo in lingua inglese. Per il Per il Governo della Repubblica Italiana Governo della Repubblica Popolare Cinese

 

 

 

LISTA DELLE INTESE COMMERCIALI PRESENTATEA VILLA MADAMA

1.CDPIntesa di partenariato strategico tra Cassa Depositi e Prestiti S.p.A (CDP) e Bank of China LimitedBank of ChinaAD Fabrizio PalermoPresidente Chen Siqing

2.ENI Memorandum of Understanding sul partenariato strategico tra ENI S.p.A. e Bank of China LimitedBank of ChinaAD Claudio DescalziPresidente Chen Siqing

3.AnsaldoEnergiaIntesa di collaborazione tecnologica sul Programma di Turbine a Gas tra Ansaldo Energia S.p.A. e China United Gas Turbine Technology Co.-UGTCChina United Gas Turbine Technology Co. UGTC (controllata da SPIC–State Power Investment Corporation)AD Giuseppe ZampiniPresidente Qian Zhimin

4.Ansaldo EnergiaContratto per la fornitura di una turbina a gas AE94.2K per il progetto Bengang tra Ansaldo Energia S.p.A., Benxi Steel Group Co., e Shanghai Electric Gas Turbine Co.Shanghai Electric Gas Turbine (SEGT) e Benxi Steel Group (BSG)AD Giuseppe ZampiniPresidentedi SEGT Huang Ou Chairman di BSG Chen Gizhuang

5.CDP, SNAMMemorandum of Understandingtra Cassa Depositi e Prestiti S.p.A (CDP), Snam S.p.A. e Silk Road Fund CoSilk Road FundAD di CDP Fabrizio PalermoAD di SNAM Marco AlveràGeneral Manager di Silk Road Fund Wang Yanzhi

6.Agenzia ICE Intesa di cooperazione strategica tra Agenzia ICE e Suning.com Group Coper la realizzazione di una piattaforma integrata di promozione dello stile di vita italiano in CinaSuning.com Group Co., Ltd.Presidente Carlo Maria Ferro Presidente Zhang Jindong

7.AdSP del Mare Adriatico OrientaleAccordodi cooperazione tra Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale –Porti di Trieste e Monfalcone e China Communications Construction Company(CCCC)China Communication Construction CompanyPresidente Zeno D’AgostinoPresidente Song Hailiang

8.AdSP del Mar Ligure Occidentale /Commissario Straordinario per la Accordo di cooperazione tra il Commissario Straordinario per la Ricostruzione di Genova, l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure China Communication Construction Company Presidente PaoloSignorini Presidente Song Hailiang

Ricostruzione di Genova Occidentale e China Communication Construction Company (CCCC)

9.Intesa SanpaoloMemorandum of Understanding tra Intesa Sanpaolo S.p.A. ed il Governo Popolare della città di Qingdao Governo Popolare della città di QingdaoAD Carlo MessinaVice Sindaco Liu Jianjun

10.Gruppo Danieli Contratto tra Danieli & C. Officine Meccaniche S.p.A. e China CAMC Engineering Coper l’installazione di un complesso siderurgico integrato in AzerbaijanChina CAMC Engineering CoPresidente Gianpietro Benedetti Presidente e Direttore Generale Luo Ya

 

 

 

 

LA LETTERA DI XI JINPING AGLI ITALIANI , che cita “il Regno di DA QIN”

PUBBLICHIAMO QUI DI SEGUITO LA LETTERA AGLI ITALIANI DEL PRESIDENTE XI JINPING IN VISITA NOSTRO PAESE.

SEGNALIAMO CHE, PROPRIO ALL’ INIZIO, IL PRESIDENTE RICORDA CHE I PAPPORTI FRA I DUE PAESI RISALGONO AI TEMPI DELL’IMPERO ROMANO E DEELLA DINASTIA HAN, QUANDO ERA STATA CONIATA, PER RIFERIRSI A ROMA, ALL? ITALIA, ALL’ IMPERO E ALL’ EUROPA, IL TERMINE “DA QIN”, “GRANDE CINA”.

La Cina e l’Italia sono rispettivamente emblema della civiltà orientale e occidentale e hanno scritto alcuni dei più importanti e significativi capitoli della storia della civiltà umana. L’Italia è la patria dell’antica civiltà romana e la culla del Rinascimento e il suo patrimonio di grandi monumenti, di capolavori artistici e letterari è ormai diffusamente noto in Cina. I contatti tra le due grandi civiltà, cinese e italiana, affondano le loro radici nella storia. Già più di duemila anni fa, l’antica Via della Seta ha permesso il collegamento tra l’antica Cina e l’antica Roma, nonostante le grandi distanze che le separavano. La dinastia Han inviò Gan Ying in missione alla ricerca di ciò che chiamavano «Da Qin» o «Grande Qin» che si riferiva proprio all’impero romano, mentre nei componimenti del poeta Virgilio e del geografo romano Pomponio Mela si trovano molteplici citazioni del «Paese della seta». In seguito, il «Milione» di Marco Polo scatenò la prima «passione per la Cina» della storia occidentale e il suo autore divenne un pioniere dei contatti tra la cultura orientale e quella occidentale, modello a cui si ispirano ancora oggi gli ambasciatori dell’amicizia.

La visita di Xi Jinping: «Un patto strategico con l’Italia»

Giunti all’epoca moderna, seguendo le orme lasciate dai predecessori sulla strada dell’amicizia, i rapporti bilaterali tra Cina e Italia hanno vissuto molti rinnovamenti che hanno portato sempre nuove opportunità. Nel 1970 la Repubblica Popolare Cinese e la Repubblica Italiana hanno instaurato le relazioni diplomatiche, e nel 2020 ne celebreremo il 50esimo anniversario. Dopo l’allacciamento delle relazioni diplomatiche, a prescindere da quali tempeste hanno interessato la scena internazionale, i due Paesi sono stati un esempio di cooperazione di mutuo vantaggio basata su fiducia reciproca e sulla stretta cooperazione tra Paesi con sistemi sociali, background culturali e fasi di sviluppo diversi. L’amicizia tradizionale tra Italia e Cina è solida ed è riuscita a rinnovarsi sempre nel corso della sua lunga storia divenendo una colonna portante per il rapido e stabile sviluppo dei rapporti bilaterali.

L’amicizia tra Italia e Cina si radica in una ricca eredità storica. I contatti in più di duemila anni hanno gettato le basi del rispetto reciproco e dell’apprendere l’uno dall’altro, della fiducia reciproca e della mutua comprensione, concetti che si sono trasformati nei garanti stabili e continuativi della tradizionale amicizia che ci accomuna. Di fronte alle evoluzioni e alle sfide del mondo contemporaneo, i due Paesi fanno appello alla loro preziosa e lunga esperienza e immaginano insieme gli interessanti scenari capaci di creare un nuovo modello di rapporti internazionali basati sul rispetto reciproco, sull’uguaglianza e la giustizia e sulla cooperazione di mutuo vantaggio, costruendo un futuro condiviso dell’umanità.

L’amicizia tra Italia e Cina si condensa in una forte fiducia strategica. I leader dei due Paesi hanno sempre guardato e sviluppato i rapporti bilaterali con un approccio strategico e una visione lungimirante. Da quando, nel 2004, i due Paesi hanno istituito il partenariato strategico globale bilaterale, gli incontri ai massimi livelli tra Roma e Pechino hanno avuto un ruolo di guida e di promotori dei rapporti bilaterali e di sempre mutua comprensione e fermo sostegno di fronte agli interessi fondamentali e alle questioni di grande rilevanza per ciascuno. Questo li ha resi il saldo supporto che ha garantito lo stabile e duraturo sviluppo dei rapporti bilaterali.

L’amicizia tra Cina e Italia si manifesta nella cooperazione concreta. Cina e Italia si considerano a vicenda partner importanti per il commercio e gli investimenti e vantano una forte convergenza di interessi. Nel 2018, l’interscambio commerciale bilaterale ha superato la soglia dei 50 miliardi di dollari e gli investimenti bidirezionali cumulativi hanno superato i 20 miliardi. Il Made in Italy è divenuto sinonimo di prodotti di alta qualità, la moda e l’arredamento italiani incontrano pienamente il gusto dei consumatori cinesi; la pizza e il tiramisù piacciono ai giovani cinesi. I due Paesi hanno raggiunto traguardi importanti nella cooperazione in ambiti come i satelliti e l’aviazione civile; la Settimana Cina-Italia della Scienza, della Tecnologia e dell’Innovazione, le pattuglie congiunte tra le forze dell’ordine e le attività di formazione calcistica sono state accolte molto positivamente dai popoli dei due Paesi.

L’amicizia tra Cina e Italia si tramanda in forti scambi culturali. I popoli cinese e italiano hanno sempre mostrato grande interesse nello studio della cultura l’uno dell’altro. Un professore cinese iniziò a tradurre la Divina Commedia di Dante all’età di settant’anni e l’opera si rivelò talmente ardua che solo dopo 18 anni, sul letto di morte, riuscì a completarla. In Italia i sinologi sono numerosi e hanno svolto il ruolo di ponte nei rapporti tra Cina ed Europa a partire dalla prima grammatica della lingua cinese scritta per l’Occidente da Martino Martini a «Italia e Cina» di Giuliano Bertuccioli e Federico Masini: tutti hanno aiutato a far rimanere sempre viva la passione per la sinologia nella penisola italiana.

Il noto scrittore italiano Alberto Moravia ha scritto: «Le amicizie non si scelgono a caso ma secondo le passioni che ci dominano». Il mondo odierno sta subendo profondi cambiamenti mai visti in un secolo, di fronte a ciò la storia ci affida la responsabilità di innalzare i rapporti sino-italiani e portarli a un nuovo livello e di tutelare insieme la pace, la stabilità e di far crescere la prosperità. Io desidero, con questa mia visita, di tracciare, insieme ai leader italiani, le linee guida dei rapporti bilaterali e di condurli nella nuova era.

Siamo pronti, insieme alla controparte italiana, a sviluppare ulteriormente il partenariato strategico globale, a stringere maggiormente i legami ai massimi livelli e a rafforzare la cooperazione a tutti i livelli tra i nostri governi, parlamenti, partiti ed enti locali; a rafforzare la comunicazione politica, a promuovere la fiducia e i matching strategici, a continuare a comprendere e a sostenere a vicenda gli interessi e i temi più cari alla controparte e a gettare le basi politiche dei rapporti bilaterali.

Siamo pronti, insieme alla controparte Italiana, a costruire insieme la Belt and Road — la Nuova Via della Seta, sviluppando appieno i punti di forza storici, culturali e geografici che la cooperazione tra i due Paesi sotto l’egida della Belt and Road può portare. Impegnandoci a collegare l’idea di interconnessione e connettività propria dell’iniziativa Nuova Via della Seta ai progetti italiani di «costruzione dei porti del Nord» e «investire in Italia» al fine di creare una nuova era per la Belt and Road in settori come la marina, l’aeronautica, l’aerospazio e la cultura.

Siamo pronti, insieme alla controparte italiana, ad ampliare i settori della cooperazione fattiva. La Cina continuerà ad ampliare la sua apertura con strumenti come l’organizzazione, su base annuale, di eventi come la China Import Expo che permettono di condividere le grandi opportunità che il mercato cinese presenta con i Paesi del resto del mondo, Italia compresa. Italia e Cina possono sviluppare il potenziale di cooperazione in settori come la logistica portuale, il trasporto marittimo, le telecomunicazioni e il medico-farmaceutico e incentivare le rispettive aziende ad avviare progetti di cooperazione nei mercati terzi per realizzare una cooperazione di mutuo vantaggio e che risponda agli interessi di tutti.

Siamo pronti, insieme alla controparte Italiana, a stringere ancora di più i contatti in ambito umanistico-culturale. Cina e Italia, in quanto Paesi che detengono il maggior numero di siti Unesco al mondo, vantano ricchissime risorse turistiche e culturali. I due Paesi devono rafforzare i gemellaggi tra i loro siti Unesco e incoraggiare la co-organizzazione di mostre d’arte ed esposizioni dei patrimoni culturali, la co-produzione di opere cinematografiche e audiovisive da parte degli istituti e organizzazioni culturali. Dobbiamo consolidare l’insegnamento delle nostre lingue, promuovere gli scambi tra persone in modo da apportare un nuovo e maggiore contributo alla diversità culturale mondiale e all’incontro, all’apprendimento reciproco tra universi culturali diversi.

Siamo pronti, insieme alla controparte Italiana, a rafforzare il coordinamento sull’agenda internazionale e in seno alle organizzazioni multilaterali. La Cina è disponibile per consolidare la comunicazione e la sinergia con l’Italia in seno alle Nazioni Unite, al G20, all’Asem e all’Organizzazione Mondiale del Commercio su tematiche come la governance globale, il mutamento climatico, la riforma dell’Onu e del Wto e altre questioni rilevanti, al fine di tutelare gli interessi comuni, promuovere il libero scambio e il multilateralismo e proteggere la pace e la stabilità mondiale e consentire uno sviluppo fiorente.

Ripercorrendo la storia degli ultimi 50 anni è evidente come i rapporti sino-italiani abbiano radici profonde e abbiano già ottenuto numerosi risultati. Guardando alla nuova era, la cooperazione sino-italiana ha un futuro roseo e prospettive di sviluppo ampie. Il popolo cinese è ansioso di unire le forze con gli amici italiani per coltivare insieme il terreno dei rapporti bilaterali e far sì che possa giungere a una nuova e più ricca fioritura e che l’amicizia tra Cina e Italia possa rinnovarsi costantemente.